Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » “Irpinia – Colline dell’Ufita": arriva l'ok alla Dop

Cucino io

“Irpinia – Colline dell’Ufita": arriva l'ok alla Dop

“E' stata iscritta nel registro comunitario delle DOP e IGP la denominazione Dop “Irpinia – Colline dell’Ufita” riferita all’olio extravergine di oliva prodotto in alcuni comuni della provincia di Avellino e pubblicata la domanda di modifica del disciplinare di produzione della IGP “Castagna del Monte Amiata”.
Le caratteristiche aromatiche e gustative della DOP derivano principalmente dalla varietà “Ravece” che coltivata nell’areale di produzione individuato nel disciplinare acquista quelle particolarità tali da renderlo riconoscibile ed apprezzabile al consumatore. In particolare, il prodotto si differenzia per il suo gusto fruttato medio, con un’aromatica presenza della carica amara e piccante, la cui peculiarità è un chiaro aroma erbaceo con spiccate note di pomodoro verde e di carciofo.

Le caratteristiche della zona di produzione, quali il microclima ed il terreno, le stesse tecniche di coltivazione e di produzione proprie del territorio dell’olio extravergine di oliva “Irpinia – Colline dell’Ufita” tramandate nei secoli dagli olivicoltori irpini concorrono all’ottenimento di un olio extravergine altamente riconoscibile.

Le modifiche al disciplinare di produzione della IGP “Castagna del Monte Amiata” riguardano la descrizione della zona geografica, visto che nel preesistente disciplinare di produzione non era descritta in termini scientificamente precisi la definizione geologica dei terreni sui quali vegetano i castagneti del Monte Amiata.
Infatti, una più puntuale ed attenta recente riclassificazione geologica del territorio interessato alla IGP in questione ha evidenziato che le rocce definite «Trachite del Monte Amiata» sono due piccole isole, mentre nella realtà i terreni idonei alla coltura sono derivanti in massima parte da rocce vulcaniche e arenacee e comunque a prevalente o abbondante componente silicea, così come indicato nella proposta di modifica.

L'indicazione geografica protetta “Castagna del Monte Amiata” è riferita alle varietà correntemente conosciute come: Marrone, Bastarda Rossa, Cecio. E’ caratterizzata da una forma obovata od ovale con apice poco pronunciato e da un sapore dolce e delicato.

in data:25/06/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion