Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Biscotti e merendine, i consumatori si sentono ingannati dalla pubblicità dei prodotti promossi

Agronews

Biscotti e merendine, i consumatori si sentono ingannati dalla pubblicità dei prodotti promossi

Oltre Il 70% dei consumatori pensa che la pubblicità non è etica, non è basata su dati statistici e non racconta cose vere.  In particolare  gli utenti finali si sentono ingannati dalla pubblicità di integratori alimentari, cosmetici, merendine e biscotti.  A rilevarlo ricerca Swg "Pubblicità ed Etica: vissuto dei consumatori e percezione delle imprese" svolta per EthicsGo e presentata oggi a Milano, in Assolombarda, nel corso del convegno "Consumatori o consumattori? La pubblicità etica come fattore di competitività per le imprese".

 "Più del 50% dei consumatori ritiene di essere poco o per nulla tutelato rispetto ai messaggi pubblicitari - spiega il presidente dell'Istituto di ricerca Swg Maurizio Pessato. Le etichette dei prodotti sono la fonte ritenuta più affidabile nel 51% del campione e rispettosa delle norme legali, per il 53%, etica 44%; e che riporta informazioni basate su dati scientifici 40% del campione. Tuttavia, anche per quanto riguarda le etichette, vi è minor fiducia- prosegue il presidente- verso le aziende straniere e verso le imprese di grandi dimensioni. E sono ritenute meno affidabili le indicazioni che evidenziano l'assenza di determinati componenti quali ad esempio additivi, grassi, coloranti o zuccheri".

Per sentirsi tutelato – conclude ancora Pessato - al di là delle sanzioni e dei controlli da parte del Governo, circa un terzo del campione ritiene che la strada giusta potrebbe essere quella della certificazione e di un organismo realmente indipendente. Una posizione condivisa da oltre la metà delle aziende intervistate".

in data:15/03/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”