Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Cappone in carpione

Cucino io

Cappone in carpione

Cappone in carpione

Petronilla Frosio – “Ristorante Frosio” - (Bergamo)

Ingredienti per 8 persone

1 cappone arrosto (alternativa moderna: 1 pollo arrostito o 4 petti di pollo posti su una piastra antiaderente oliata con l’eventuale pelle verso il basso, cotti in forno, possibilmente ventilato, a 70° C per 85 minuti e poi salati, tagliati a losanghe o listarelle)
80 g di pinoli, 50 g di capperi sotto sale sciacquati, 2 acciughe,2 pezzetti di cannella o poca cannella in polvere, 50 g di mandorle a filetti o a lamelle, 3 cucchiai di aceto rosso o aromatizzato, ½ cucchiaio di zucchero mascabà o di zucchero integrale, 2 bicchieri di olio extravergine di oliva Laghi Lombardi-Sebino Dop,Scorza di cedro o di limone

Preparazione 30 minuti

“devi prendere l’infrascritte cose: pignoli, cappare, anchiode,due o tre stecche di cannelle fina, quattro mandorle peste e prima scorzate, aceto forte, zucchero verzino o mascabà a proporzione. Devi prima mettere nella pignatina le anchiode con un puocho d’oglio d’oliva, e far le dei fare. E ben stemprate con un cucchiaro, devi puoi infonder le sudette cose e farli levare il bollo. E subbito devi levar dallo spiedo li caponi e tagliati in quattro così caldi, devi gettar sopra la detta conza così bollente; e poi subbito coprire li capponi con un cattino, che non traspiri il fumo. E lisciati raffreddare da sé, così coperti, li devi portare in tavola. E questo è un dolce e garbo alla domestica ben servito. E se alla suddetta concia aggiungerai listine di scorza di zedro o di limone, li danno bel bono odore e fragranza.”

E’ una ricetta staordinariamente moderna, anche se ha compiuto i trecento anni. Ottima servita tiepida, ma eccellente dopo 12 ore di riposo in luogo fresco.

in data:24/12/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion