Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Cucina, Cracco si dà al delivery: i bookmaker credono alla seconda Stella Michelin

Agronews

Cucina, Cracco si dà al delivery: i bookmaker credono alla seconda Stella Michelin

La quota in lavagna per lo chef (entro il 31 dicembre 2020) è data a 2,50.

Roma- Masterchef ed Hell’s Kitchen Italia lo hanno fatto conoscere, negli ultimi anni, al grande pubblico attraverso la tv. Eppure Carlo Cracco, uno degli chef italiani più apprezzati e famosi al mondo, da tempo è un nome altisonante nel mondo culinario e della ristorazione. Tra critiche, elogi e rivisitazioni di alcuni piatti della tradizione, Cracco ha proposto in Italia una nuova versione della cucina moderna, guadagnandosi anche una Stella Michelin per il suo ristorante “Cracco” a Milano. Ora, però, potrebbe raddoppiare.

 

 

La celebre guida francese, infatti, si sta adeguando ai canoni attuali di ristorazione e, nella sua valutazione, inserirà anche nuovi metodi di giudizi basati sul delivery. Una ghiotta occasione per il ristorante "Cracco", che da qualche tempo si è adoperata per tale eventualità. Alla possibilità della seconda stella per lo chef, riporta Agipronews, credono anche gli analisti di Stanleybet.it. La quota in lavagna per la seconda Stella Michelin (entro il 31 dicembre 2020) è infatti data a 2,50

 

 

in data:08/06/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno