Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Cucina italiana: il valore mondiale è da podio

Food Mania

Cucina italiana: il valore mondiale è da podio

Giro d'affari pari a 209 miliardi di euro per una quota di mercato del 13%. Al primo posto i cinesi secondo lo studio sulla ristorazione di Alma sviluppata da Deloitte

Roma- E' la seconda a livello globale dopo quella cinese, con il 13% di quota di mercato, la cucina italiana, e a livello mondiale genera un volume d'affari pari a 209 miliardi di euro. Sono alcuni dei risultati che emergono dalla ricerca sulla ristorazione italiana nel mondo commissionata da Alma e sviluppata da Deloitte. L'indagine è stata presentata in occasione del quarto appuntamento del ciclo 'Alma Talks', gli incontri di Alma volti a formare la 'Next Generation Chef' a tema: 'La ristorazione italiana nel mondo. Trend e impresa nel mercato internazionale', che si è svolto a Fico Eataly World, sotto il patrocinio del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

Nel dettaglio, dalla ricerca emerge che il mercato della ristorazione mondiale ha raggiunto un valore 2.210 miliardi euro nel 2016, con l'area Asia-Pacific che copre il 46% del totale e il canale Full-Service Restaurant (ristoranti con servizio più o meno formale al tavolo) che pesa per il 52%. I canali distributivi in maggiore crescita sono quelli dello Street Food e Quick Service Restaurant (ristoranti di bassa/media qualità con assenza di servizio al tavolo), rispettivamente +6,1% e +5,3% di tasso annuo di crescita composto 2011-2016 (ndr, di seguito abbreviato nella sigla inglese di Cagr). Il canale Full-Service Restaurant rappresenta il principale canale e cresce del +4,9% Cagr 11-16. In termini di aree geografiche, Asia-Pacific e Nord America guidano la crescita (rispettivamente +5,6% e +4,0% Cagr 2011-16), mentre l'Europa è stabile (+0,4% Cagr 2011-16). Tra i fattori trainanti la crescita del mercato in Asia-Pacific vi è l'aumento dei consumi fuori casa; i consumatori assidui (più di tre pasti fuori dall'ambito domestico alla settimana) sono passati dal 27% al 30% (2012-16).

Nei prossimi anni si prevede una crescita del mercato (+3,1% CAgr 2016-21), trainato principalmente dalla performance del Nord America (+4,1% Cagr 2016-21). L'Europa torna a crescere con un ritmo superiore rispetto all'andamento storico a fronte di uno scenario macroeconomico complessivamente più positivo (+3,3% Cagr 16-21). All'interno del canale Full-Service Restaurant, i primi 10 Paesi per dimensione rappresentano quasi il 90% del mercato globale; l'Asia-Pacific è il principale mercato a valore e in termini di crescita (+6,7% Cagr 2011-16); il Nord America mostra un trend migliore rispetto all'Europa (+3,6% contro +0,3% Cagr 2011-16); l'Italia è il quinto Paese con una quota del 4% (42 miliardi di euro il volume d'affari generato).

in data:11/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo