Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Cultura del cibo: arrivano a Parma oltre 150 esperti e stakeholder da tutto il mondo

Agronews

Cultura del cibo: arrivano a Parma oltre 150 esperti e stakeholder da tutto il mondo

In programma 12 e 13 settembre il quarto Forum mondiale di Unesco “Cultura e cibo: strategie innovative per lo sviluppo sostenibile”

Roma- Si scrive “food”, e si legge “cultura, educazione, sostenibilità, salute, futuro”. A Parma la cultura del cibo è un asset fondamentale, il principale heritage materiale e immateriale da trasmettere alle nuove generazioni. Ecco perché la Città Creativa Unesco della Gastronomia è stata scelta come sede del quarto Forum mondiale di Unesco “Cultura e cibo: strategie innovative per lo sviluppo sostenibile” che si terrà i prossimi 12 e 13 settembrepresso la Sala Ipogea del Parco Eridania. 

Organizzato dall'Unesco in collaborazione con il Governo della Repubblica Italiana, con il sostegno del Comune di Parma e della Regione Emilia Romagna, il Forum indaga la relazione tra cibo, cultura e società, il panorama in evoluzione della sicurezza alimentare e dei sistemi alimentari, e il loro ruolo chiave per l'attuazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Tutti temi che vedranno coinvolti oltre 150 esperti e stakeholder da tutto il mondo, con l’obiettivo ambizioso di contribuire a ridefinire le linee guida dei prossimi anni. 

in data:11/09/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion