Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Dessert o confettura, americani al voto per decidere il futuro della Nutella

Agronews

Dessert o confettura, americani al voto per decidere il futuro della Nutella

La questione riguarda la volontà della Ferrero di togliere la crema spalmabile dalla lista dei topping per dessert dove è adesso catalogata al fine di indicare al consumatore metà del numero di calorie

Roma- Sul patibolo per l’utilizzo dell’olio di palma ora la Nutella dovrà affrontare anche l’opinione pubblica americana che si esprimerà se la famosa crema spalmabile del gruppo alimentare di Alba (Cuneo) è da considerare dessert o confettura. A chiamare in causa i cittadini degli Stati Uniti è la Food and Drug Administration (Fda), l'Agenzia statunitense che sovrintende al controllo alimentare. La questione riguarda la volontà della Ferrero di togliere la Nutella dalla lista dei topping per dessert dove e' adesso catalogata, per collocarla in quella delle marmellate.  Tale condizione- si precisa in una nota- potrebbe permettere di indicare sui barattoli metà del numero di calorie e di quantità di zucchero presenti nella razione giornaliera consigliata, che per le confetture e' un cucchiaino contro due dei dessert. 

Il problema avanzato è quindi di natura sostanzialmente psicologica econdizionante per il comportamento dei consumatori. La Fda, per prendere la decisione, ha dunque deciso di aprire un sondaggio pubblico fra i consumatori allo scopo di sapere come utilizzano la Nutella. Secondo i dati trasmessi dal Gruppo Ferrero alle autorita' americane nel 2014, il 74% dei consumatori la mangia spalmata su una fetta di pane, per un quantitativo fra 18 e 23 grammi, vale a dire la meta' della porzione di riferimento che appare indicata attualmente sui barattoli di Nutella negli Usa. Ma i dati sono contraddetti da uno studio del 1991, che Ferrero giudica obsoleto, secondo cui la maggioranza degli americani la usa come il miele. La Fda dovra' esprimersi per gennaio, quando la consultazione pubblica sara' conclusa.

Ti potrebbe anche interessare

Ferrero, la multinazionale produttrice della Nutella non rinuncia all'olio di palma

 

in data:04/11/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion