Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » E' romagnolo il primo esportatore italiano di vino in Cina

Agronews

E' romagnolo il primo esportatore italiano di vino in Cina

Bilancio di Terre Cevico un fatturato di 167 milioni di euro pari a un +1,83% sull'anno scorso. L'export segna un +12,98%

Roma- E' la cooperativa romagnola Terre Cevico il primo esportatore di vino italiano in Cina. La societa', con sede a Mandriole, nel Ravennate, si attesta anche come seconda realta' italiana in Giappone e con dati rilevanti anche in Stati Uniti e Russia. Questa mattina sono stati presentati i suoi risultati e gli ultimi dati di bilancio che hanno evidenziato un fatturato di 167 milioni di euro pari a un +1,83% sull'anno scorso e con l'export che segna un +12,98%.

Terre Cevico conta su circa 7mila ettari di vigneto condotti da circa 5000 soci viticoltori. "Il modello cooperativo e' l'elemento fondamentale di questa strategia imprenditoriale - afferma il presidente Marco Nannetti - al centro ci sono i soci produttori delle uve e dei vini che, proprio attraverso le dinamiche cooperative, sviluppano al meglio il rapporto mutualistico sia per quanto riguarda gli aspetti economici, sia per quelli di qualificazione produttiva. Il modello - conclude - viene sviluppato e ampliato con nuove zone e nuovi vini, sempre aumentando la qualita' e la sostenibilita' della produzione". 

in data:13/12/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion