Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Extravergine, un mistero per gli italiani. In molti non sanno abbinarlo al cibo

Agronews

Extravergine, un mistero per gli italiani. In molti non sanno abbinarlo al cibo

L'analisi sugli errori più comuni è dell'Associazione Nazionale Assaggiatori Professionisti Olio di Oliva. Il 76% del campione di studio pensa che l'olio amaro sia di cattiva qualità

Roma- Siamo orgogliosi di averlo nel paniere made in Italy, ma poi non lo conosciamo e non sappiano abbinarlo ai cibi. L’olio extra vergine è per il 78 per cento degli italiani ancora un rebus da risolvere ammettendo l’incapacità nell’utilizzo e nel condimento dei piatti. L’amara verità è segnalata dall’Associazione Nazionale Assaggiatori Professionisti Olio di Oliva sulla base di uno studio condotto da Casa Coricelli e condotto su circa 2500 italiani e su panel di 80 esperti.

Ad oggi- secondo l’analisi- gli errori più comuni che fanno gli italiani con il prodotto è di utilizzare sempre lo stesso tipo di olio (82%) e pensare che l'olio amaro sia di cattiva qualità (76%).  Si evidenzia inoltre che il 78% gli italiani non sa distinguere tra le varie tipologie di olio extra vergine di oliva disponibili sul mercato. Ma c'è di più.  Ben il 65% pensa che l'olio extra vergine venga ottenuto da una semplice spremitura, mentre la maggior parte subisce dei processi attenti e accurati non solo di filtrazione, ma soprattutto di combinazione tra varie tipologie di extra vergine al fine di creare la "ricetta" scelta. Il 48% degli italiani non conosce l'effetto negativo della luce e del calore sull'olio. Un altro grave errore degli italiani- si legge ancora in una nota-  è pensare che l'olio extra vergine di oliva non faccia bene, perché troppo grasso (65%).

in data:09/02/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo