Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Federdistribuzione, vendite di pecorino romano aumentate del 30%

Agronews

Federdistribuzione, vendite di pecorino romano aumentate del 30%

''C'è un solo modo per difendere i prodotti fatti con il latte sardo: mangiarli''. Questo il claim della campagna di valorizzazione del Pecorino Romano e degli altri prodotti con il latte sardo attivata da sabato 23 febbraio nelle migliaia di punti vendita delle imprese associate a Federdistribuzione collocati su tutto il territorio nazionale. All'iniziativa hanno aderito Auchan Retail, Bennet, Carrefour, Despar, Esselunga, Famila, Gruppo Végé, Iper, Italmark, Magazzini Gabrielli, Pam-Panorama, Selex e Unes.

A dieci giorni di distanza dall'avvio possiamo dire che le vendite di pecorino romano sono aumentate di oltre il 30% e che complessivamente le insegne che hanno partecipato alla campagna hanno venduto 52 tonnellate di questo prodotto. Dinamiche in crescita significativa si sono sviluppate anche per gli altri prodotti a base di latte sardo. ''Vogliamo ringraziare i nostri clienti, che hanno aderito all'iniziativa delle aziende di Federdistribuzione con grande partecipazione, dimostrandosi vicini alle condizioni di difficoltà degli allevatori sardi - dichiara Claudio Gradara, Presidente di Federdistribuzione - Da sempre le nostre imprese associate valorizzano i prodotti locali e le eccellenze del made in Italy e anche questa volta abbiamo voluto seguire questa strada e dare un contributo per affrontare una situazione di crisi che rischia di mettere in ginocchio una di queste eccellenze. Far meglio conoscere i prodotti e sostenerne i consumi è la soluzione migliore per dare una via d'uscita alla crisi attuale che non sia solo di breve periodo ma apra ad una via d'uscita più strutturale''.

in data:08/03/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion