Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Il Formaggio di Fossa di Sogliano diventa Dop

Cucino io

Il Formaggio di Fossa di Sogliano diventa Dop

Via libera definitivo all’iscrizione nel Registro europeo delle Denominazioni e indicazioni geografiche protette (DOP e IGP) del ‘Formaggio di Fossa di Sogliano Dop’.
Il nome del formaggio, che risale a diversi secoli addietro ed è prodotto tra l’Emilia Romagna e le Marche, deriva dal fatto che la sua stagionatura avviene in ambienti sotterranei, le ‘fosse’ appunto, scavate nel tufo di Sogliano al Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena, che è la zona tipica di produzione.

La stagionatura nelle fosse nacque intorno al 1500, quando i soglianesi dovevano proteggere i loro beni dalle razzie degli aragonesi. Il periodo tradizionale di infossatura è fine agosto, inizio settembre, e la riapertura delle fosse il 25 novembre, giorno di Santa Caterina.

in data:25/06/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno