Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » L'Italia del vino è sul tetto del mondo

Agronews

L'Italia del vino è sul tetto del mondo

La produzione è stimata complessivamente in 49 milioni di ettolitri (+15%) rispetto ai 42,5 milioni dello scorso anno. Il risultato riavvicina l'Italia alle medie pre-2017

Roma- L'Italia del vino è sul tetto del mondo. Il Belpaese si conferma infatti leader nella viticoltura e come produttore . Per il 2018 si prevede una buona vendemmia che permetterà al settore vitivinicolo di riprendersi dopo un anno difficile. La produzione è stimata complessivamente in 49 milioni di ettolitri (+15%) rispetto ai 42,5 milioni dello scorso anno. Il risultato riavvicina l'Italia alle medie pre-2017. Si tratta di una crescita rilevante che delinea un quadro nel complesso positivo seppure con qualche criticità, in particolare la Sud. E' quanto è emerso nel corso della presentazione delle Previsioni vendemmiali 2018, presso il ministero dell'Agricoltura, evento organizzato da Unione italiana vino, in collaborazione on Ismea e Osservatorio del vino.

Presente il ministro Gian Marco Centinaio secondo il quale "la tendenza fa ben sperare per l'intero comparto del vino. Occorre investire in ricerca, innovazione - ha proseguito - puntando sulla semplificazione per rendere le nostre aziende sempre più competitive". Il vino, "ambasciatore del Made in Italy - ha detto ancora - è un prodotto con un forte appeal a livello internazionale". Proprio per questo - ha concluso - il Mipaaft ha sloccato il bando per la promozione Ocm Vino e ha costituito il Comitato nazinale vini dop e Igp. "Vogliano costruire una nuova strategia - ha detto in ultimo - la promozione è fondamentale per andare sui mercati internazionali". Bisogna creare il "differenziale positivo di valore legato alla distintività del vino italiano investendo sulla differenziazione dell'offerta e sulla qualità"

Ti potrebbe anche interessare

Assoenologi: vendemmia in crescita in tutte le regioni italiane

in data:04/09/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo