Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Limone di Sorrento, prende il via l'iter di modifica del disciplinare

Cucino io

Limone di Sorrento, prende il via l'iter di modifica del disciplinare

Ora bisogna attendere sei mesi prima di vedere definitivamente riconosciute le modifiche richieste

La Commissione europea ha pubblicato le modifiche al disciplinare di produzione della IGP “Limone di Sorrento”. Da questo momento in poi - informa il Mipaaf - bisogna attendere sei mesi, come da procedura comunitaria, prima di vedere definitivamente riconosciute le modifiche richieste.

Le modifiche riguardano il metodo di ottenimento del prodotto (la descrizione relativa alle impalcature sotto le quali vengono coltivate le piante di Limone di Sorrento: pur lasciando la preferenza per i pali di legno di castagno, è stato previsto anche l’utilizzo di pali di altro tipo di legno e/o di leghe metalliche; la data di inizio raccolta dei limoni - 1° gennaio anziché 1° febbraio - in considerazione dei cambiamenti climatici verificatisi negli ultimi anni che hanno comportato un cambiamento nei tempi di maturazione del prodotto; il valore della produzione massima di limoni per ettaro, elevandolo da 35 a 45 tonnellate; la resa in succo del limone abbassandola dal 30 al 25 per cento); il legame (l’inserimento di alcuni elementi attestanti l’antica presenza del Limone di Sorrento nella penisola sorrentina e l’importanza che la sua coltivazione ha rivestito per le popolazioni del luogo; l’eliminazione dei riferimenti relativi al tipo di legno dei pali da utilizzare per la costruzione del pergolato); l’etichettatura (possibilità di commercializzare il Limone di Sorrento alla stato sfuso).

Queste ed altre precisazioni sono state introdotte per fornire dati più certi al consumatore, rientrando il tutto in un’ottica di maggiore tutela dei diritti del cittadino ad avere un’informazione sempre più trasparente e puntuale.

in data:26/04/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno