Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Milano ospita i Best Italian Wine Awards 2014

Agronews

Milano ospita i Best Italian Wine Awards 2014

Sarà presentata da Luca Gardini (Miglior Sommelier del Mondo WSA 2010) e da Andrea Grignaffini (esperto enogastronomico) lunedì 22 settembre alle ore 18.00 a Milano, presso il Centro Congressi Fondazione Cariplo (Via Romagnosi, 8), la classifica dei 50 migliori vini d’Italia.

I Best Italian Wine Awards 2014 saranno assegnati alle aziende selezionate da una giuria di giornalisti, critici ed esperti del mondo del vino che nelle scorse settimane hanno degustato alla cieca oltre 250 fra le migliori etichette italiane.

Il comitato tecnico internazionale che ha affiancato quest’anno Luca Gardini e Andrea Grignaffini, ideatori del premio, nella selezione dei vincitori è composto da Tim Atkin (Londra), Wine Writer tra i più premiati al mondo e Master of Wine con 25 anni di esperienza, Raoul Salama (Parigi), docente presso la facoltà di Enologia di Bordeaux, giornalista e degustatore professionale, Christy Canterbury (New York) giornalista e Master of Wine degli Stati Uniti, Daniele Cernilli, decano della degustazione e giornalista enogastronomico fra gli artefici del Gambero Rosso, Antonio Paolini, esperto di enogastronomia e di degustazione, firma su alcune fra le maggiori testate di settore e Pier Bergonzi, giornalista per La Gazzetta dello Sport e appassionato di enogastronomia, fondatore della rubrica “Gazza Golosa”.

in data:18/08/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion