Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Nasce Orto 2.0, l'applicazione che ti permette di coltivare a distanza

Agronews

Nasce Orto 2.0, l'applicazione che ti permette di coltivare a distanza

Coltivare un orto vivendo in città è possibile. A studiare la possibilità è la start-up cooperativa sostenibile Orto 2.0 premiata da CoopUp di ConfCooperative Roma e Prepararsi al Futuro di NeXt. L’iniziativa nasce nell’ambito dei laboratori Prepararsi al Futuro, da un gruppo di sei studenti della facoltà di Economia dell’Università di Roma Tor Vergata.  Il progetto- si legge in una nota-  si basa sulla necessità dei cittadini romani di riappropriarsi della semplicità e della bontà dei prodotti, che ogni giorno vengono proposti a tavola. L’analisi dei bisogni- si spiega ancora-  ha evidenziato come molti abitanti della Capitale vorrebbero consumare prodotti di cui conoscono la provenienza e la filiera, ma che per mancanza di tempo e di informazioni immettono nella propria dieta quotidiana alimenti non controllati, mettendo a repentaglio non solo la propria salute, ma anche la produttività delle campagne locali.

Il servizio di Orto 2.0 garantisce- illustrano i responsabili del progetto- la coltivazione di orti urbani da parte di professionisti del settore e il “controllo” e ricezione dei prodotti coltivati da parte degli investitori/affittuari di questi terreni. L’offerta è quella di una piattaforma e applicazione online, che garantiscano ai cittadini che affittano gli orti urbani, la gestione in remoto del proprio appezzamento. Orto 2.0 ottimizza anche la catena di trasporto, inviando ai “clienti” i propri prodotti direttamente a casa a costi contenuti. Lo scopo è quello di recuperare la stagionalità nella dieta delle persone, creando un circolo virtuoso di coltivazione, recupero del rapporto con la terra e salute alimentare. L’applicazione offre anche un servizio di baratto dei prodotti coltivati, creando una community di coltivatori in remoto.

Dal punto di vista della funzionalità il cliente invece deve scaricare l’applicazione e di deve registrare. Una volta inoltrata la richiesta, il cliente viene contattato dai gestori per proseguire il processo di coltivazione. Dal momento della registrazione e definizione delle colture del proprio orto, il cliente potrà osservare attraverso una webcam cosa avviene nel suo terreno, verrà avvisato tramite notifiche sull’andamento delle coltivazioni e potrà programmare la ricezione dei prodotti. I frutti degli orti potranno essere consegnati a domicilio oppure raccolti dal cliente in accordo con gli agricoltori che se ne occupano. Sarà a disposizione degli iscritti anche un servizio di scambio tra “ortisti 2.0” e di trasformazione dei prodotti in conserve, sott’olii, passate, marmellate

in data:17/07/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion