Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Nasce la “cabina di regia” per la pasta made in Italy

Agronews

Nasce la “cabina di regia” per la pasta made in Italy

Con un decreto interministeriale firmato dal ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi e dal responsabile delle Politiche agricole Maurizio Martina le attività di promozione saranno guidate da un team comprendente istituzioni e agricoltori

Roma- Pronto con il 2015 un piano di azione sinergico per uno dei simboli del made in Italy. Con un decreto interministeriale firmato dal ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi e dal ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina le attività di promozione per la pasta saranno guidate da una “cabina di regia” comprendente istituzioni e rappresentative agricole ed imprenditoriali del settore, finalizzata ad aiutare l'intera filiera e definire un programma di rilancio, mirato anche ai mercati esteri.

Il provvedimento che istituisce la cabina – si spiega in una nota - è mosso "dall'attuale contingenza economica che ha interessato fortemente anche la filiera della pasta nel suo complesso" e "della crescente aggressivita' dei competitor stranieri sostenuti da politiche di governo incentivanti", c'e' quella innanzitutto di "promuovere e sostenere la competitivita' dell'intera filiera, dalla produzione primaria del frumento fino alla trasformazione industriale della pasta". Si esplicitano anche le finalita' di "individuare strategie di valorizzazione della capacita' produttiva inespressa del settore, di potenziamento delle esportazioni e di redistribuzione sull'intera filiera del valore aggiunto creato", oltre a quella di "individuare strategie di attrazione dei fondi comunitari destinati al settore nella programmazione 2014-2020 e di ulteriori fondi nazionali e comunitari per iniziative promozionali a supporto della produzione e dell'esportazione. Non manca il riferimento ad Expo milanese, con l'obiettivo di "promuovere la filiera grano-pasta all'interno di Expo 2015 e sostenere in quest'ambito iniziative di promozione culturale del modello agroalimentare italiano".

in data:07/01/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion