Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Natale: spesa da 2,7 mld per il cenone. Vale 100 milioni in più dell'anno scorso

Agronews

Natale: spesa da 2,7 mld per il cenone. Vale 100 milioni in più dell'anno scorso

Festa esalta le eccellenze del made in Italy. Brindisi dal calice amaro per oltre 2 milioni di famiglie

Roma- Gli italiani spenderanno 2,7 miliardi per il cenone di Natale, vale a dire 100 milioni in piu' dell'anno scorso. Le tredicesime sfioreranno i 36 miliardi pari a 800 milioni in piu' rispetto allo scorso anno, ma questo aumento non spingera' i consumi e non solo per lo 0,5% di inflazione. All'Italia del rancore e' subentrata l'Italia della paura e dell'incertezza che ha meno speranza per il futuro visto l'aumento della poverta' e dell'instabilita' politica. E' quanto emerge da un'indagine condotta dal Centro Studi di Confcooperative.

I cenoni, tra queste luci e ombre, esalteranno le eccellenze dell'agroalimentare Made in Italy con 9 italiani su 10 che trascorreranno il Natale in casa, dato in linea con gli scorsi anni, mentre a Capodanno, complici le partenze e i cenoni fuori casa, saranno 5 su 10 gli italiani che aspetteranno a casa il rintocco della mezzanotte per brindare al 2020. Dato questo in flessione rispetto allo scorso anno, cosi' come lo era gia' il 2018 anno rispetto al 2017.
Le bollicine italiane si confermano le immancabili superstar dei cenoni con oltre 70 milioni di tappi pronti a saltare da bottiglie di spumante e prosecco Made in Italy: un +10% rispetto allo scorso anno. Gli italiani continueranno a preferire le bollicine di casa nostra a quelle d'oltralpe.
Spumanti e prosecchi battono lo champagne anche questa volta.
Per il menu di Natale, in pole position le eccellenze del Made in Italy: vongole e frutti di mare per i primi piatti (110 milioni di euro); pesce per i secondi piatti (455 milioni di euro); carne, salumi e uova (530 milioni di euro); vini, spumanti e prosecchi (440 milioni di euro); frutta, verdura e ortaggi (410 milioni di euro). Pasta, pane, farina e olio (225 milioni di euro). Non manchera' il tagliere dei formaggi freschi e stagionati italiani (115 milioni). Chiudera' il paniere il ricco carrello dei dolci composto da panettone e pandoro in primis, oltre alle tantissime specialita' dolciarie regionali (420 milioni di euro).
E se gli italiani sono concordi sul cosa portare in tavola, diverse le scuole di pensiero in cucina. Tra gli over 50 vincono le ricette tradizionali o di famiglia. Tra i piu' giovani spopolano blog e app per cercare la ricetta d'effetto: crudi con avocado, rombo in crosta di cacao; risotto gamberi e liquirizia; filetti di pesce con mele e uva bianca.
Brindisi dal calice amaro per oltre 2 milioni di famiglie che vivono in assoluta poverta'. Resta fondamentale, per Confcooperative, individuare risorse e misure di contrasto alla poverta'. Rei e Reddito di Cittadinanza, seppur con finalita' diverse, non hanno ancora sciolto i problemi

in data:24/12/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion