Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Non è vacanza senza cibo. Il 61% dei viaggiatori sceglie la propria meta in base all’offerta gastronomica

Food Mania

Non è vacanza senza cibo. Il 61% dei viaggiatori sceglie la propria meta in base all’offerta gastronomica

A dimostrarlo è un’indagine commissionata da Booking.com e condotta su un campione di viaggiatori adulti che avevano effettuato un viaggio negli ultimi 12 mesi o ne progettavano uno nei successivi 12 mesi

Roma- L’offerta enogastronomica è elemento non trascurabile per scegliere la meta di vacanza. A dimostrarlo è un’indagine commissionata da Booking.com e condotta su un campione di viaggiatori adulti che avevano effettuato un viaggio negli ultimi 12 mesi o ne progettavano uno nei successivi 12 mesi. In totale, hanno risposto 56.727 partecipanti. Dall’analisi del sito a carattere mondiale che permette a ogni viaggiatore di trovare l’alloggio ideale tra la più ampia scelta di strutture e svela il nome delle destinazioni migliori al mondo dove assaggiare la cucina locale in base a milioni di recensioni dei viaggiatori di Booking.com emerge che  più di 6 viaggiatori su 10 (61%) sostengono di aver scelto dove andare in vacanza per l’ottima offerta eno-gastronomica. È dunque evidente- si legge in una nota-  che il cibo ricopre un ruolo molto importante durante il viaggio, se si considera che più di un terzo (34%) dei viaggiatori pensa di intraprendere un viaggio all’insegna del turismo gastronomico nel 2018 (la percentuale raggiunge il 40% tra i millennial).

E la tendenza – si spiega ancora-  è chiaramente destinata a crescere, dato che quasi la metà (49%) dei viaggiatori internazionali (il 60% dei millennial) aspira a vivere esperienze sempre più intraprendenti provando durante il viaggio diversi tipi di cucine e specialità locali. Infatti, quasi due terzi (64%) dei viaggiatori sostengono di voler assaggiare più prelibatezze tipiche del posto nel 2018. La ricerca segnala poi alcune delle mete migliori per il cibo e indica l’Asia sud-orientale, che vanta squisitezze come il dim sum, i noodle e il pho.

Le migliori destinazioni in cui assaggiare specialità locali

Ipoh (Malesia)

Kaohsiung (Taiwan)

Nagoya (Giappone)

Johor Bahru (Malesia)

João Pessoa (Brasile)

Ho Chi Minh (Vietnam)

Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina)

Colmar (Francia)

Lima (Perù)

Catania (Italia)

Belgrado (Serbia)

 

Viene detto poi che più della metà (51%) dei viaggiatori in tutto il mondo pensa di andare alla ricerca di mercatini all’aperto dove assaggiare specialità del posto durante il prossimo viaggio che intraprenderà nel 2018. Più della metà (54%) vuole assaggiare cibi tipici del posto in vacanza e anche i food truck rappresentano un’ottima occasione per farlo. Da milioni di recensioni lasciate dai viaggiatori di Booking.com emergono alcune destinazioni ideali per chi è alla ricerca di un’esperienza culinaria particolare:

 

Destinazioni top lo street food

Destinazioni top per i food truck

Jeonju (South Korea)

Portland (Stati Uniti)

Hsinchu (Taiwan)

San Paolo (Brasile)

Marrakech (Marocco)

Seul (Corea del sud)

New York (Stati Uniti)

Bangkok (Thailandia)

Città del Messico (Messico)

Istanbul (Turchia)

Sui social media spopolano infine le foto che ritraggono avventure in viaggio ed esperienze culinarie. Quasi un terzo dei viaggiatori (31%) quest’anno prevede di scattare più foto di quello che mette sotto i denti, e a sostenerlo sono soprattutto i viaggiatori asiatici provenienti dalla Cina (65%), dall’India (57%), dalla Thailandia (53%), dall’Indonesia (50%) e da Hong Kong (48%).

 

in data:08/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno