Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Pasqua: carne di agnello stabile In aumento carne di pollo

Agronews

Pasqua: carne di agnello stabile In aumento carne di pollo

Dalle elaborazioni di Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) sulle rilevazioni effettuate dalle Borse Merci, le Camere di commercio e le Commissioni Uniche Nazionali risulta evidente che, quest’anno, i prezzi della carne non hanno subito contraccolpi dovuti alla corsa a determinati acquisti nel periodo pasquale. Per quanto riguarda la carne di agnello non è stato registrato un incremento dei prezzi all’ingrosso che tipicamente si verifica nella settimana pre-pasquale a causa dell’aumento della domanda di questa carne. La chiusura di ristoranti e agriturismi ne ha inoltre rallentato la vendita. I dati di Marzo hanno registrato un calo dei prezzi del 4% rispetto a Febbraio e il mercato di inizio Aprile si è confermato stabile. Come conseguenza, anche nel mercato degli agnelli, si sono registrate, nella settimana pre-pasquale, quotazioni in calo del 10% rispetto alla stessa settimana del 2019.

Situazione differente, invece, per la carne avicola: sono stati registrati forti incrementi di prezzo per i principali tagli, soprattutto petto di pollo, grazie all’aumento delle vendite nella Gdo. Rispetto a Febbraio l’incremento è stato superiore al 30% e solo ad inizio Aprile sono emersi i primi segnali di stabilità. Rispetto ad un anno fa, la crescita è superiore del 20%.

Nel mercato delle carni suine, il periodo pre-pasquale ha mostrato aumenti per i tagli freschi da macelleria (lombi in particolare) cresciuti di oltre il 20% dall’inizio dell’emergenza sanitaria grazie al buon andamento delle vendite nella Grande Distribuzione. Il rallentamento delle lavorazioni nell’industria di trasformazione ha causato, invece, ribassi per i prezzi dei tagli destinati ai prosciuttifici (-18%).

Per quanto riguarda, infine, la carne di coniglio, se all’inizio della diffusione dell’epidemia sono stati registrati degli incrementi, nella prima settimana di aprile, i prezzi all’ingrosso hanno subito un calo del 7,5% rispetto alla settimana precedente. Nella settimana pre-pasquale la situazione è rimasta invariata.

in data:11/04/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno