Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Per il "Canestrato di Moliterno" un futuro da Igp

Cucino io

Per il "Canestrato di Moliterno" un futuro da Igp

"Il patrimonio agroalimentare del nostro Paese con 182 prodotti riconosciuti, 117 DOP e 65 IGP, e' leader in Europa. E questa leadership d'eccellenza si consolidera' con il "Canestrato di Moliterno", che diventera' a breve IGP. Un riconoscimento a un prodotto e a un settore Canestrato di Moliterno, come quello lattiero caseario, che e' da sempre un simbolo della nostra agricoltura." Lo ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Luca Zaia commentando la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea della domanda di riconoscimento del "Canestrato di Moliterno".
Se, entro sei mesi dalla data di pubblicazione, non saranno presentate da parte degli Stati membri istanze di opposizione alla domanda, la IGP sara' automaticamente iscritta nel registro comunitario dei prodotti a denominazione di origine.

Il "saper fare" dell'agroalimentare italiano ha radici profonde che dall'antichita' si sono tramandate e sviluppate sempre nel rispetto della tradizione fino ad i nostri giorni, come dimostra la storia del "Canestrato di Moliterno", tipico formaggio lucano. Fin dall'antichita' infatti la cittadina di Moliterno, piccolo comune lucano della provincia di Potenza, era famosa per essere un luogo di produzione e stagionatura di formaggi pecorini.

 Ed e' a partire dal '700 che la cura del pecorino si trasformo' per gli abitanti di Moliterno in un'attivita' primaria, tale da assicurare al prodotto una rinomanza che valico' i confini nazionali e raggiunse le coste del nord America, e che contribui' alla fama di questo piccolo comune.
Questo straordinario successo deriva da due fondamentali fattori legati alla zona di produzione: la razza ovina propria del territorio di origine e la particolare tecnica di stagionatura. La peculiarita' principale del "Canestrato di Moliterno" risiede nella fase di stagionatura del formaggio nelle caratteristiche cantine (fondaci) presenti in quel territorio. Ancora oggi i produttori utilizzano questi particolarissimi locali che caratterizzano il prodotto in modo unico. Il fondaco e' un ambiente molto fresco e ben aerato dove la concomitanza di vari fattori determina la formazione del microclima indispensabile per ottenere un prodotto qualitativamente eccellente.
"E' necessario difendere, tutelare e valorizzare - conclude il Ministro - le identita' produttive del nostro Paese come quella del lattiero caseario che grazie al lavoro e alla bravura dei nostri allevatori esprime prodotti di qualita' ed eccellenza come il "Canestrato di Moliterno".

in data:25/06/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion