Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Polpettone genovese su crema di patate, pompelmo e nero di seppia

Cucino io

Polpettone genovese su crema di patate, pompelmo e nero di seppia

Polpettone genovese su crema di patate, pompelmo e nero di seppia

Le ricette di Mattia Poggi


Ingredienti

500 g patate bollite e sbucciate, 200 g fagiolini bolliti, 50 g pangrattato, 2 uova, 40 g parmigiano grattugiato, latte o acqua quanto basta, olio, sale e pepe e noce moscata, 1 mazzo di maggiorana,
20 g nero di seppia, 2 pompelmi gialli Jaffa

Preparazione

Per il polpettone: schiacciare 400 gr di patate bollite in una ciotola e unire i fagiolini bolliti tritati grossolanamente, amalgamare il tutto con le uova, il parmigiano e la maggiorana. Regolare di sale e pepe e stendere con le mani in una teglia all’altezza di 2 cm circa, cospargere con il pangrattato e con un filo d’olio e cuocere a 180° per 30 min in forno.
Raggiunta la cottura lasciare raffreddare e tagliare in grossi cubetti da disporre sul piatto.

Per la crema di patate: frullare le restanti patate ancora calde con del latte o dell’acqua anch’essi caldi fino ad ottenere una crema morbida, unire poi sale e noce moscata e stendere sul piatto insieme al polpettone già impiattato. Unire anche il nero di seppia sul piatto e finire il piatto con spicchi franchi di pompelmo giallo.

Tempo di preparazione: 50 min.

in data:24/01/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion