Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Cucino io » Prosciutto di Modena: sulla Gazzetta Ufficiale le modifiche al disciplinare

Cucino io

Prosciutto di Modena: sulla Gazzetta Ufficiale le modifiche al disciplinare

Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea le modifiche al disciplinare di produzione della DOP “Prosciutto di Modena”. Da questo momento informa il Mipaaf in poi bisogna attendere sei mesi, come da procedura comunitaria, periodo entro il quale gli altri Stati membri possono presentare eventuali opposizioni, prima di vedere definitivamente riconosciute le modifiche richieste.

Le modifiche riguardano il metodo di ottenimento della DOP. È stata aumentata, infatti, la percentuale di umidità delle carni; anticipato il giorno massimo entro il quale l’allevatore deve apporre un timbro indelebile sulle cosce posteriori di ogni suino; prolungato, infine, il periodo minimo di stagionatura.

La DOP “Prosciutto di Modena” si caratterizza per la forma esteriore a pera, il colore rosso vivo del taglio, il sapore sapido ma non salato e l’aroma di profumo gradevole, dolce ma intenso. Prodotto particolarmente adatto nelle diete a sfondo iperproteico, nonché alimento ideale nelle diete ipolipidiche grazie al suo contenuto minerale e vitaminico e il suo limitato contenuto di colesterolo, fin da epoca antichissima lega le proprie caratteristiche alla zona di Modena, da sempre considerata un riferimento per la lavorazione della carne suina grazie all’antica radicata tradizione salumiera e gastronomica.

Il “Prosciutto di Modena” è il risultato perfetto fra ambiente naturale, favorevole all’allevamento dei suini, e il sistema agro-industriale incentrato sulla manualità del fattore umano, che ha reso la zona di origine della DOP uno dei principali poli produttivi con un fatturato al consumo che si aggira intorno ai venti milioni di euro.

in data:25/06/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno