Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Roscioli, una diversa interpretazione del caffè romano

L'indirizzo

Roscioli, una diversa interpretazione del caffè romano

Nel centro di Roma, negli ex locali della pasticceria Bernasconi, i fratelli Alessandro e Pierluigi aprono il loro caffè pasticceria utilizzando una macchina manuale modificata ad hoc per gestire miscele differenti

Roma- Roscioli ci prova, d’altra parte a Roma (e non solo) la famiglia ormai è sinonimo di qualità e garanzia. E questo non siamo solo noi a dirlo rischiando una grossolana faziosità, ma è il mercato che ha premiato nel tempo il lavoro svolto.  Insomma i due fratelli, Alessandro e Pierluigi, forti dei successi gastronomici e forse  stanchi, si fa per dire, delle solite prelibatezze gastronomiche (ndr. dai lievitati ai salumi e quant’altro) che tutti i giorni propongono in Via dei Giubbonari ai loro affezionati clienti e ai  followers di turno, hanno deciso di buttarsi sul caffè e sulla pasticceria con un locale nuovo di zecca nel centro della Capitale, poco distante dalle loro altre attività:  “Roscioli Caffè Pasticceria” (Piazza Benedetto Cairoli, 16).

Ora dunque, rilevata la storica pasticceria Bernasconi, i Roscioli puntano a proporre ai loro lowers una personale versione del caffè romano e per farlo hanno  deciso di utilizzare addirittura una macchina manuale modificata ad hoc per gestire miscele differenti e  diverse pressioni e temperature. La macchina del caffè , costituita da un pompa napoletana manuale e da un blocco a pompa volumetrica, è riuninita in un solo corpo chiamato “doppiometodo®” e nel mondo,  ne esistono solo 5 .  Ogni giorno Caffè Roscioli estrae solo Arabica da chicchi macinati al momento. A rotazione, a seconda delle stagioni e delle annate, si degustano caffè selezionati, tostati e miscelati tra Sud America e soprattutto dal Guatemala col suo Caffè delle terre alte di Huehuetenango, una miscela di 3 arabiche africane (Kenya, Ethiopia e un’Arabica segreta) dall’aroma primitivo ed estremo e caffè indiani dalle interessanti note acide. Interessanti sono anche  le declinazioni di caffè filtro con selezioni di miscele a tostature diverse, di infusi e tè, nonché di mieli.

Filo conduttore dell’interno locale, ristrutturato dallo studio Morq, è la versatilità manifestata in un format doppio declinato in due spazi gourmet, con colori e offerte diverse: la mattina, il caffè, la pasticceria dei classici lievitati romani, il pranzo con panini gourmet e il tramezzino, il pomeriggio  tè e infusi e l’aperitivo con ostriche, sfizi, salumi e formaggi e piccoli assaggi per accompagnare cocktail, miscelati, vini e champagne. Ecco dunque che la mattina, in un ambiente definito da un grezzo e materico color sabbia, si può degustare la pasticceria prodotta nel laboratorio retrostante, pensata rielaborando la tradizionale “pastarella romana insieme a qualche innovazione e novità che si può abbinare ad un espresso o a un cappuccino, mentre nella seconda zona del locale, tinta di nero e organizzata in un unico tavolo di design, conviviale e centrale, è proposta la preparazione di miscelati tradizionali e non, oltre alla mescita di vini e champagne e ci si può sedere per assaggiare ostriche e sandwich, panini espressi con i pani dell’Antico Forno Roscioli e le farciture selezionate dalla Salumeria di famiglia.

Gianluca Pacella

in data:17/01/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion