Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Salone del gusto: Slow Food, edizione 2020 sarà "rivoluzionaria"

Agronews

Salone del gusto: Slow Food, edizione 2020 sarà "rivoluzionaria"

Per sei mesi coinvolgerà tutti i Paesi della galassia Slow Food, mettendo in campo tecnologie digitali, eventi fisici diffusi e nuovi format.

Roma- L'edizione 2020 di Terra Madre Salone del Gusto sara' "un evento rivoluzionato". Si svolgera' a partire dall'8 ottobre e per sei mesi coinvolgera' tutti i Paesi della galassia Slow Food, mettendo in campo tecnologie digitali, eventi fisici diffusi e nuovi format. La piu' importante manifestazione dedicata al cibo buono, pulito e giusto, all'ambiente e alle politiche alimentari organizzata da Slow Food, Regione Piemonte e Citta' di Torino non si ferma, anzi rilancia.

"Oggi piu' che mai - spiega Daniele Buttignol, direttore generale di Slow Food Italia - e' necessario lavorare per affermare nuovi paradigmi economici, ambientali, sociali piu' sostenibili. Trasformare la crisi alimentare innescata dal Covid-19 in opportunita' per ripartire dalla terra, da un'agricoltura, ristorazione, turismo che generino benessere per il territorio e la collettivita'". "Ancora una volta - aggiunge - noi vogliamo farlo dando voce alle comunita' che in questi mesi si sono mobilitate in tutto il mondo sostenendo i produttori di piccola scala, mantenendo vivi i sistemi alimentari locali e tutelando le persone piu' fragili. Terra Madre Salone del Gusto non e' un evento fieristico che si puo' rimandare da un anno all'altro, e' un momento di formazione, confronto e condivisione, in cui la rete di contadini, allevatori, pescatori, artigiani del cibo, cuochi, giovani, indigeni e migranti ritrova fiducia e coraggio, idee e soluzioni a problemi comuni. E se, nel rispetto delle norme sulla sicurezza dovute alla pandemia, i delegati non potranno venire a Terra Madre, noi porteremo Terra Madre in ogni angolo del mondo e con essa Torino e il Piemonte".

in data:12/06/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno