Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Sherbeth 2016, vincono le materie prime di alta qualità

Agronews

Sherbeth 2016, vincono le materie prime di alta qualità

Al Festival Internazionale del Gelato Artigianale sono premiati i gusti prodotti con le eccellenze del territorio. Semplicità e naturalità i futuri cardini del prodotto italiano

Palermo- Si è conclusa l’ottava edizione di Sherbeth, il Festival Internazionale del Gelato Artigianale, la manifestazione più importante per i maestri gelatieri: si tirano le somme. Il trend è un ritorno ai prodotti del territorio, nella loro semplicità e nella qualità ai massimi livelli. Non saranno più i gusti raffinati, complicati o eccessivamente gourmet a conquistare i palati degli italiani, ma ci colpiranno le materie prime di alta qualità, simbolo internazionale della nostra eccellenza culinaria riconosciuta in tutto il mondo.

Ha vinto la competizione Alessio Calamini, gelateria “Le Delizie" di Fiorenzuola, toscano, con il gusto “Castagnaccio", omaggio al territorio e all’utilizzo di ingredienti non comuni, un percorso sulle strade del gusto che porta nelle colline del Mugello, costellate di castagneti. Premiati poi con il gusto “Liccumìa" Giuseppe Flamingo della Gelateria Tasta a Modica e Marina di Modica, che prende spunto dal dolce tipico modicano, con mandorle tostate di avola e cioccolato di modica, scorza di limone, cannella e vaniglia madascar. La liccumìa è la variante senza carne della "mpanatiglia", importata durante la dominazione spagnola; "Nocciola della Calabria” di Francesco MastroianniIl Cantagalli”di  San Marco Argentano (Cosenza);  Osvaldo Palermo per lo "Zabajone al moscato”, con biscotto integrale alla fava di tonka, della Gelateria Fiordipanna di Cornaredo (Mi); Angelo di Buscema con “noci dell’altopiano Ibleo” della gelateria Blue moon a Ragusa e la speciale menzione "Prodotti locali” per il gusto "Torrone di Tonara” al gelatiere Nicolò Vellino della gelateria Dolci Sfizi a Macomer (Nuoro).

In tutto erano 37 i gelatieri in gara, selezionati tra i 42 partecipanti al Festival, ma tra le numerose proposte hanno vinto i prodotti italiani.

Camilla Rocca

in data:18/10/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion