Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Vino e tartufo, patto per il Made in Italy

Agronews

Vino e tartufo, patto per il Made in Italy

Un patto per promuovere e valorizzare a livello locale, nazionale e internazionale il vino e il tartufo quali simboli di qualità e ambasciatori dell'Italia anche in vista di EXPO 2020 Dubai. E’ questo il significato dell’accordo siglato oggi a Roma, presso la sede di CIA-Agricoltori Italiani, dal presidente dell’Accademia Italiana del Tartufo (AIT) Giuseppe Cristini e dal presidente dell’Associazione Italiana Sommelier (AIS) Antonello Maietta, alla presenza del sottosegretario al Ministero degli Affari esteri Manlio Di Stefano, del presidente di CIA-Agricoltori italiani Dino Scanavino e del direttore dell’AIT Davide Feligioni.

L’obiettivo dell’intesa è creare un’alleanza tra il mondo del tartufo e quello del vino con strategie di sviluppo culturale e di marketing territoriale. L’approssimarsi dell’Esposizione Universale di Dubai, inoltre, rappresenta un’occasione preziosa per il nostro settore enogastronomico, come sottolineato nel suo intervento dal sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano: “Tartufo e vino sono due grandi eccellenze dell’agroalimentare Made in Italy. Sono certo che questa collaborazione tra AIS e AIT darà ulteriore slancio alla diffusione della cultura gastronomica italiana nel mondo”.

Le due associazioni consegneranno il protocollo al Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale e al Commissario Generale di Sezione per l’Italia per Expo 2020 Dubai Paolo Glisenti, per proporre idee e iniziative da attuare. Inoltre si impegneranno a coinvolgere la filiera della ristorazione e quella del turismo, individuando una rete di ristoranti del tartufo in ogni zona d'Italia, che assieme al vino propongano un abbinamento naturale di unico valore.

 

in data:22/01/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion