Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Yugo, fusion nella cucina e nell'internazionalità

L'indirizzo

Yugo, fusion nella cucina e nell'internazionalità

Aperto nella Capitale, nel Rione Monti, il locale nato dalla sinergia di più professionalità con lo scopo di offrire un' esperienza sensoriale frutto di passioni e identità complementari

Roma-  E’ il locale che mancava a Roma. Diciamolo. Diverso perché veramente internazionale e multiculturale quanto basta tanto da essere sensuale nella cucina e attrattivo nell’accoglienza. Insomma un esempio ristorativo dove la fusione di sinergie si manifesta in un‘esperienza sensoriale frutto di passioni e identità complementari. Tutto questo è "Yugo” (Largo Angelicum 2) , Fusion Bar della Capitale che strizza l’occhio all’Oriente e supera l’archetipo del locale capitolino standardizzato ormai su uno scimmiottamento newyorkese garantendo un melting pot culturale grazie ad un mix di professionalità.

Artefici di questa nuova frontiera della cucina d’autore e dell’ospitalità sono Maddalena Salerno e Marco Del Vescovo, imprenditori e ideatori di format e realtà food&beverage come Mézzi e Colbert Villa Medici,Riccardo Sargeni e Gianluca Sette, soci di locali romani di successo come CoHouse Pigneto e Terrazza San Pancrazio, lo Chef Due Stelle Michelin Anthony Genovese, del Ristorante Il Pagliaccio e Danilo Maglio creatore del progetto architettonico.

"Yugo, collocato nel rione Monti all’interno del Roman Luxus Hotel, propone, in un ambiente che può ospitare Dj Set e Live Musicali, una cucina contaminata che va dal "Fresco" (crudo, cotto o marinato), al "Vapore" e al "Fuoco" (cotture espresse al Wok e non solo)da gustare anche con la formula mezze porzioni nonostante il background "Stellato" della cucina. La modalità smart ed immediata è invece legata al beverage e alla mixologia. Punto di forza della proposta è il sakè, selezionato da produttori rari e d'eccellenza. Garante della selezione cocktail è il Bar-Tender Patrizio Boschetto, mixologist professionista che vanta esperienze oltre i confini italiani.

Gianluca Pacella

in data:05/07/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion