Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » La Novità di Mercato » “L’Extravergine 916”, l'olio con la carta d’identità del frantoio

La Novità di Mercato

“L’Extravergine 916”, l'olio con la carta d’identità del frantoio

Nasce “L’Extravergine 916”, il progetto di selezione dei migliori oli extra vergini italiani, realizzato in collaborazione con Assofrantoi (Confagricoltura) e basato sulla qualità e sulla tracciabilità dei prodotti. L’iniziativa ha come obiettivo la divulgazione al consumatore delle diverse peculiarità organolettiche, nutraceutiche e salutistiche degli oli, in modo che l’acquisto, tramite l’on line retailer, diventi sempre più consapevole.

Per raggiungere tali scopi di mercato- si legge in una nota - gli gli esperti di L’Extravergine 916 dopo un’attenta analisi, scelgono con cura i frantoi, seguendo tutti i processi produttivi e verificando il rispetto dei vari parametri di eccellenza. Ogni varietà di oliva ha un proprio preciso profilo sensoriale, la cui composizione e il gusto dipendono molto dal terreno, dalla sua qualità, dal clima ma anche dalle tecniche di raccolta delle olive, dalla loro lavorazione e conservazione, oltre che dal loro imbottigliamento. In un olio extravergine di vera qualità tutte queste fasi devono essere rese trasparenti, tenendo traccia dei vari passaggi che portano l’oliva dal moggio direttamente alla tavola. Per risalire a tali informazioni, i diversi oli selezionati da L’Extravergine 916 hanno uno specifico Cdif Oevo, ovvero la propria “carta d’identità del frantoio”, (progetto finanziato dall’Unione Europea), una sorta di documento di riconoscimento che accompagna ogni bottiglia e ne racconta la storia.

La promessa di 916, infatti, è quella di garantire l’intera filiera: dal coltivatore alla tavola. La numerazione delle etichette permette, attraverso un codice univoco, di ripercorrere il percorso dell’olio extravergine passo dopo passo, trasformando la tracciabilità in uno strumento concreto per la tutela del consumatore.

L’Extravergine 916 protegge, infine, i suoi oli in una bottiglia di vetro scuro mantenuto a temperature costanti, evitando così la luce diretta, il riscaldamento o il congelamento dei prodotti. Il packaging delle confezioni è molto curato e particolare: discostandosi dalla usuale bottiglia, la sua immagine è elegante e raffinata, per poter essere posizionata direttamente in tavola ed essere facilmente riconosciuta.

Attraverso il portale di L’Extravergine 916 è possibile consultare le caratteristiche delle varie tipologie di olio, facendo così una scelta più consapevole e consona alle proprie esigenze, per poi acquistare i prodotti on line

Il consumatore, inoltre, attraverso il sito web di L’Extravergine 916, può partecipare attivamente ad una community digitale inserendo opinioni, recensioni e commenti o far tesoro di una delle numerose ricette proposte dagli Chef che collaborano al progetto.

in data:20/09/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Esame da ristorante per Alto. Al via fase 2 del locale capitolino

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno