Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Campania: pronti 48 milioni per il settore della pesca

Regioni

Campania: pronti 48 milioni per il settore della pesca

Sono pari a 48,4 milioni di euro le somme messe a disposizione per sostenere gli investimenti produttivi nel settore dell'acquacoltura, per migliorare la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti della pesca e per ristrutturare i luoghi di sbarco.
Nei prossimi giorni saranno pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania i tre nuovi bandi del Fondo europeo della pesca 2007-2013.

Lo stanziamento complessivo del Fep 2007-2013 ammonta a 98 milioni di euro. Di questi, - si legge in una nota -  il 50% sono a carico dell'Unione Europea, il 40% dello Stato e il 10% della Regione.
"Le misure - spiega l'assessore all'Agricoltura della Regione Campania Vito Amendolara - sono state formulate in un'ottica di semplificazione burocratica cercando di cogliere le specificità e le esigenze delle diverse realtà territoriali.
“Mi auguro che le cospicue risorse messe a disposizione del comparto ittico vengano spese seguendo una logica di qualità e di sistema, con un attivo protagonismo del mondo imprenditoriale della pesca. Solo in questo modo, la pesca e l'agricoltura possono crescere e diventare, insieme al turismo, un volano e un asset strategico per lo sviluppo dell'economia regionale", ha concluso Amendolara.

in data:01/03/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion