Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Il Prodotto » Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop: gli allevatori entrano nel Consiglio di amministrazione

Il Prodotto

Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop: gli allevatori entrano nel Consiglio di amministrazione

Il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop elegge la nuova governance. Venerdì, 8 luglio alle ore 15.00, presso il Novotel di Capodrise, si terrà l’assemblea ordinaria dei soci con all’ordine del giorno, oltre l’approvazione del bilancio consuntivo 2010, l’elezione dei membri del Consiglio di amministrazione (undici in totale), del Comitato Paritetico e del Collegio Sindacale, che saranno in carica per i prossimi tre anni.

Per la prima volta nei 30 anni di vita del Consorzio di Tutela, entreranno nel Consiglio di amministrazione gli allevatori, grazie alle modifiche apportate allo Statuto nel gennaio scorso. Le nuove regole favoriscono l’ingresso della categoria, consentendo il raggiungimento di un equilibrio nella rappresentanza dell’intera filiera, e hanno indotto la componente degli allevatori a iscriversi in massa al Consorzio di Tutela: sono, infatti, 194 oggi gli allevatori soci dell’organismo, tutti iscritti nel corso del 2011, una quota pari al 25 per cento della produzione totale di latte bufalino. Sono 81, invece, i trasformatori aderenti al Consorzio, pari al 90 per cento della produzione certificata di mozzarella di bufala campana Dop.

L’assemblea dei soci segnerà anche la nascita del Comitato paritetico, composto da 6 membri, 3 appartenenti alla categoria dei caseifici e 3 a quella degli allevatori produttori di latte. Il Comitato Paritetico opererà in modo indipendente dal CdA e sarà l’unico soggetto abilitato a presentare proposte di modifica allo Statuto e al Disciplinare di produzione, tema fondamentale per tenere nella giusta considerazione le mutate esigenze del mercato e per dotare il Consorzio dei regolamenti necessari ad operare con maggior efficacia su diversi temi strategici per il futuro di questo importante prodotto.

in data:05/07/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno