Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Emilia Romagna: in campo 23,5 milioni di euro per gli investimenti aziendali

Regioni

Emilia Romagna: in campo 23,5 milioni di euro per gli investimenti aziendali

Prende il via in Emilia Romagna il primo bando del Piano di sviluppo rurale (Psr 2014-2020) destinato a sostenere gli investimenti aziendali. A disposizione ci sono risorse per 23,5 milioni di euro che, considerando il cofinanziamento privato, arriveranno a movimentare oltre 58 milioni.

L`obiettivo di fondo del provvedimento è finanziare l`innovazione in azienda, migliorare i processi produttivi, ridurre l`impatto ambientale delle lavorazioni, migliorare la qualità dei prodotti. Potranno essere finanziati la costruzione o ristrutturazione di immobili produttivi, gli interventi di miglioramento fondiario; l`acquisto di macchinari, attrezzature, impianti di lavorazione e trasformazione dei prodotti. Ma anche: gli investimenti per avviare la vendita diretta, così come l`acquisizione di programmi informatici, brevetti, licenze.

Le domande potranno essere presentate dal 15 aprile al 15 luglio 2016. Verrano finanziati interventi da 10 mila a 3,5 milioni di euro Il bando è rivolto a tutte le aziende agricole con sede in Emilia-Romagna, sia in forma singola che associata, ad esempio in forma cooperativa. I contributi saranno in conto capitale e saranno del 50% della spesa ammissibile in caso di giovani agricoltori, aziende agricole di montagna o operanti comunque in zone con particolari vincoli ambientali; del 40% in tutti gli altri casi. La spesa ammissibile, calcolata in base alla dimensione aziendale, consente una modulazione molto ampia degli interventi, da un minimo di 20 mila euro a un massimo di 3,5 milioni di euro. Nel caso di aziende che operano in aree con vincoli naturali o altri vincoli specifici la spesa minima ammissibile scende a 10 mila euro. Ogni azienda potrà presentare un piano di investimento e gli interventi dovranno essere realizzati di norma entro 12 mesi. La graduatoria verrà resa pubblica entro la fine del mese di novembre

Tra i criteri di priorità individuati dal bando: gli interventi dedicati all'agricoltura biologica, integrata, ai prodotti Dop e Igp o destinati a migliorare la sicurezza sul lavoro e ad aumentare l`occupazione. Punteggi aggiuntivi anche ai progetti con valenza ambientale (dalla bioedilizia, all`efficientamento energetico), compresi quelli che portano ad una riduzione del consumo di suolo agricolo. Per la prima volta è stata prevista la ripartizione delle risorse a disposizione per settori produttivi: oltre 5,7 milioni di euro per l`ortofrutta; quasi 5,1 milioni per il lattiero-caseario; 4,9 per il cerealicolo, colture industriali, foraggere e le sementi; 2,6 per il comparto avicolo e le uova; 2,3 per le carni suine;1,4 per il vitivinicolo; oltre 960 mila euro per le carni bovine e oltre 550 mila euro per ovicaprini, miele, olio, aceto e vivaismo. Il bando relativo all`operazione 4.1.01 del Psr 2014-2020 è stato pubblicato sul Bur della Regione Emilia-Romagna il 17 marzo. Le domande vanno presentate attraverso il sistema informativo di Agrea, l`Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura.

in data:21/03/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion