Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » La Sardegna istituisce l’Organismo pagatore regionale

Regioni

La Sardegna istituisce l’Organismo pagatore regionale

Con la presentazione della domanda di riconoscimento al ministro delle Politiche agricole avvenuta nei giorni scorsi, la Regione Sardegna istituirà l’Organismo pagatore regionale (Opr) per gli aiuti comunitari in Sardegna.

Obiettivo principale dell’Organismo, la cui funzione sarà svolta da Argea Sardegna a partire dal prossimo 16 ottobre (avvio dell’esercizio finanziario 2010/2011 stabilito dalla Commissione europea), è colmare i ritardi nei pagamenti dei premi al mondo agricolo e velocizzare la spesa del Programma di sviluppo rurale (Psr).

La presentazione dell’Opr è stata fatta a Cagliari dall’assessore dell’Agricoltura Andrea Prato, dal neo-direttore generale di Argea Marcello Onorato e dal commissario straordinario uscente Gianni Ibba. Hanno partecipato anche Sisinnio Piras, in rappresentanza della V Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, il direttore di Coldiretti Sardegna Michele Errico e il presidente regionale di Confagricoltura Gigi Picciau.

La domanda al ministro arriva al termine di un lungo iter burocratico che ha reso necessarie numerose modifiche organizzative tra cui l’approvazione da parte della Giunta regionale del nuovo statuto di Argea (attualmente al vaglio della Commissione competente del Consiglio regionale) adeguato proprio per rendere coerente la struttura organizzativa dell’Agenzia ai vincoli normativi imposti dalla Commissione europea.

“Avere l’Organismo pagatore della Sardegna – ha spiegato l’assessore Prato - significa prima di tutto attuare un altro tassello della nostra riforma agraria e poter autorizzare ed effettuare i pagamenti in agricoltura del Premio unico (primo pilastro della Pac, la Politica agricola comunitaria) e dello sviluppo rurale. In Sardegna l’Opr dovrà assicurare il trasferimento di fondi comunitari diretti agli imprenditori agricoli per un importo annuo medio pari a circa 300 milioni di euro. Oggi questi pagamenti sono affidati all’Organismo pagatore nazionale Agea, che ha maturato ritardi significativi nell’erogazione di aiuti tanto attesi dagli agricoltori. In realtà, la struttura dell’Organismo nazionale non è più in grado di assolvere autonomamente alle funzioni di Organismo pagatore per le Regioni che, avendo personalizzato a livello regionale i propri Psr, rendono difficile il lavoro di armonizzazione che l’Organismo pagatore nazionale dovrebbe curare. Ciò si traduce in maggiori complessità operative che hanno portato ai ritardi nel pagamento degli aiuti del Psr. Con l’Opr contiamo di dimezzare queste lacune allineandoci alla media europea e di migliorare ancora di più la spesa del Psr, che già oggi si attesta all’82 per cento”.

Da parte loro, Onorato e Ibba hanno annunciato che partirà un piano di formazione professionale per i dipendenti di Argea, mentre l’assessore Prato ha aggiunto che in questo processo saranno coinvolti anche i Centri di assistenza agricola (Caa). Soddisfazione per il metodo basato sulla concertazione e per aver accolto una delle richieste più pressanti da parte degli agricoltori, velocizzare i pagamenti, è stata espressa da Sisinnio Piras della V Commissione. Errico (Coldiretti) e Picciau (Confagricoltura) hanno infine accolto con favore l’istituzione dell’Organismo pagatore regionale, anche perché viene incontro all’esigenza del mondo agricolo di poter ricevere i premi comunitari senza i ritardi del passato.

L’avvio delle attività dell’Organismo pagatore regionale avverrà secondo le seguenti tappe:

- Entro il 31 luglio sarà stipulata la convenzione con Agea coordinamento per la realizzazione del sistema informativo Opr che sarà autonomamente gestito da Argea Sardegna;

- Entro il 15 settembre verrà rilasciato il parere di conformità, di competenza del ministero delle Politiche agricole;

- Entro il 30 settembre verrà attivata la convenzione con l’istituto Tesoriere per codificare modalità e tempi dell’attivazione delle procedure di pagamento conformemente alle norme comunitarie;

- Il 16 ottobre (data di inizio dell’esercizio finanziario 2010/2011) si avvierà l’attività di pagamento da parte di Argea Sardegna. Si prevede di attivare tempestivamente il pagamento del Feasr (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, che finanzia il Programma di sviluppo rurale). Il pagamento del Feaga (Fondo europeo agricolo di garanzia, che finanzia il Premio unico) potrà essere avviato già dalla prossima annata agraria (da gennaio 2011 in poi).


in data:20/08/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion