Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Lazio, raggiunto l'accordo sul prezzo del latte

Regioni

Lazio, raggiunto l'accordo sul prezzo del latte

“Accordo raggiunto sul prezzo del latte bovino. Si tratta di uno dei prezzi più alti siglati in Italia. Agli allevatori del Lazio, infatti, sarà corrisposto un prezzo base di 42 centesimi al litro di cui 0,5 centesimi come contributo al miglioramento di qualità della stalla. Ai produttori dell’Alta Qualità sarà, inoltre, aggiunto 1 centesimo sul prezzo base, per un totale dunque di 43 centesimi per litro. L’accordo, inoltre, ha validità retroattiva, con un riconoscimento del prezzo stabilito a partire dallo scorso gennaio”. 

E' quanto ha dichiarato Angela Birindelli, assessore alle Politiche Agricole e alla Valorizzazione dei Prodotti Locali del Lazio a margine del tavolo sul prezzo del latte che si è svolto in Regione con le organizzazioni professionali agricole, della cooperazione, i rappresentanti degli industriali e del Comune di Roma.
“Un risultato più che positivo – ha aggiunto l’assessore Birindelli - che rappresenta il riconoscimento da parte del mondo industriale del grande lavoro messo in atto in pochi mesi dalla Regione Lazio per il miglioramento della qualità del prodotto e il rilancio del settore.
Dall’accordo di luglio, che ha visto il Lazio come prima Regione d’Italia a concludere la trattativa, al risultato di oggi, un accordo storico che soddisfa tutte le parti e che ci ha visto impegnati assiduamente nel ruolo di supporto e coordinamento. Per sostenere la filiera lattiero-casearia la Regione è già impegnata su diversi fronti: dal nostro bando, che prevede un finanziamento di circa 2,2 milioni di euro, per il miglioramento della qualità del latte, alla trattativa aperta con Bruxelles per inserire nel PSR del Lazio una specifica misura per favorire le condizioni di benessere degli animali, le loro condizioni di vita, di igiene e di alimentazione, all’imminente riapertura di un’ulteriore Misura a sostegno di investimenti per la trasformazione del prodotto locale. A questi impegni si aggiunge la nostra Legge sulla Tracciabilità, che contiamo di approvare entro l’estate, grazie alla quale, attraverso uno stanziamento di 1,5 milioni di euro, saremo in grado di avviare azioni di marketing e di promozione del prodotto a livello locale e interregionale.
Tanti investimenti importanti da parte della Regione – ha concluso l’assessore - senza i quali la trattativa sul prezzo non avrebbe raggiunto il successo storico di oggi”.

 Non proprio soddisfatta dell'accordo raggiunto è Coldiretti che comunque in una nota e per mezzo del Presidente regionale Massimo Gargano e del direttore Aldo Mattia dice di sottoscrivere per senso di responsabilità. L'accordo - sostengono copre soltanto i costi di gestione. Prendiamo atto - si legge ancora nella nota dell'organizzazione -  del lavoro dell'assessore Birindelli . Pertanto considerato questo ulteriore impegno dell'assessore regionale alla agricoltura che oltre a quanto già investito ha dichiarato, qualora la misura del benessere animale venga accolta positivamente dalla comunità Europea, di investire nel settore 15.000.000,00 di euro , nonché ulteriori 1.500.00 a sostegno della legge sulla tracciabilita . Pertanto considerato questo ulteriore impegno dell'assessore regionale alla agricoltura
Coldiretti invita - conclude la nota -  i propri soci ad accettare la chiusura della vertenza latte bovino e garantisce sin da ora che ad agosto chiederà la riapertura delle
trattative".

in data:25/03/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion