Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Il Prodotto » Nuova bottiglia consortile per l'Aceto Balsamico di Modena Igp

Il Prodotto

Nuova bottiglia consortile per l'Aceto Balsamico di Modena Igp

Presentata nel corso della rassegna Anuga di Colonia dal Consorzio Aceto Balsamico di Modena agli operatori commerciali e ai consumatori di tutto il mondo la bottiglia di forma unica che sarà possibile da oggi reperire in commercio per il prodotto Igp.

La bottiglia consortile – così è già stata chiamata dagli operatori – consiste in un corpo cilindrico, con un collo stretto e piuttosto allungato. L’etichetta frontale, unica per tutti i produttori, ha colore rosso scuro, bianco e oro, sul quale campeggia il logo ovale del consorzio, già oggetto di registrazione internazionale da parte del Ministero. Esistono due versioni, di cui una per il prodotto ‘invecchiato’, che individua un Aceto Balsamico di Modena di qualità superiore, invecchiato oltre tre anni in botte.

“Non si tratta di una novità assoluta – ha affermato il Presidente del Consorzio, Cesare Mazzetti – in quanto la bottiglia consortile è stata ideata anni fa per scopi promozionali. Essa è sempre stata utilizzata durante manifestazioni, per doni oppure per essere fotografata a fini istituzionali. Insomma, si tratta di una bottiglia che ‘impersona’ l’Aceto Balsamico di Modena IGP. La novità sta nel fatto che da oggi essa viene ceduta ai Soci del Consorzio, che la potranno offrire sul mercato con una qualità di prodotto rispondente a criteri minimi e verificati dal Consorzio stesso, e con un confezionamento unico, in grado di assicurarne la diffusione e l’immediata riconoscibilità”.

“La bottiglia non è obbligatoria per i produttori, né sostituisce alcuna esistente confezione – ha specificato Mazzetti. Unicamente, essa va ad affiancare la esistente gamma di bottiglie e di etichette ‘proprietarie’ dei Soci, venendo a costituire un’originale idea per la diffusione dell’immagine del prodotto anche presso il grande pubblico

in data:10/10/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno