Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Salute e Alimentazione » Olio di oliva e noci prevengono diabete

Salute e Alimentazione

Olio di oliva e noci prevengono diabete

Il consumo di olio di oliva e le noci della dieta mediterranea possono essere d’aiuto a pervenire il diabete alimentare nei soggetti predisposti. A dimostrarlo sono i ricercatori della universita' di Sant Joan de Reus, a Reus, Spagna, che hanno condotto una corposa analisi su 5.800 uomini e donne, dai 22 agli 80 anni.

La ricerca e' pubblicata sul Canadian Medical Association Journal. All’inizio dello studio il 64% aveva la sindrome metabolica, una condizione che predispone al diabete e alle malattie cardiovascolari. I partecipanti, seguiti per circa 5 anni, sono stati divisi in 3 gruppi: il primo ha seguito una dieta mediterranea e consumato dosi extra di olio extravergine di oliva, il secondo integrava la dieta mediterranea con noci e noccioline e il terzo seguiva una dieta a basso contenuto di grassi. Nei gruppi che avevano seguito la dieta mediterranea era calato il grasso addominale ed erano scesi anche i livelli di glucosio nel sangue. Nel 28% dei casi, inoltre, la sindrome metabolica non c’era piu'. “Non ci sono state differenze nel calo di peso corporeo ne' nella spesa energetica fra i diversi gruppi – sottolinea Jordi Salas Salvado, coautore dello studio – “Quindi il cambiamento e' da attribuire al tipo di dieta scelta”.

in data:17/10/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno