Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Mipaaf » Pubblicati i report “Cantina Italia” e “Frantoio Italia”

Mipaaf

Pubblicati i report “Cantina Italia” e “Frantoio Italia”

Sono stati pubblicati sul sito del Mipaaf i report “Cantina Italia” e “Frantoio Italia”, con i dati territoriali degli stock di vino ed olio redatti dall’Ispettorato Centrale Repressione Frodi del Ministero (Icqrf) sulla base dei dati contenuti nei registri telematici del vino e dell’olio. Negli stabilimenti enologici italiani alla data del 15 dicembre sono presenti oltre 53,5 milioni di ettolitri di vino, 10,6 milioni di ettolitri di mosti e 8,5 milioni di ettolitri di vino nuovo ancora in fermentazione (VNAIF), allocati per il 45,8% al Nord, per il 26,9% al Sud, per il 21,7% nelle regioni centrali e per il rimanente 5,6% nelle Isole.

La banca dati contiene i dati di oltre 615mila vasi vinari, 17.000 produttori e registra annualmente circa 30 milioni di operazioni enologiche, il 96% del vino e dei mosti detenuti in Italia.

Al 15 dicembre circa il 51% del vino detenuto è a DOP, con una prevalenza del rosso (50,5%). Il 27,1% del vino è IGP, anche qui con prevalenza del rosso (53,4%), mentre i vini varietali detenuti costituiscono appena l’1,4% del totale. Il restante 20,6% è costituito da vini da tavola.

Relativamente all’olio di oliva, al 15 dicembre 2019 gli operatori presenti sul registro telematico dell’olio sono 23.090, con un totale 25.389 stabilimenti attivi. La quantità di olio detenuta in Italia al 15 dicembre 2019 è di 254.778 tonnellate, di cui 232.151 sfuso. Oltre i due terzi sono Olio Extra Vergine di Oliva (EVO). Nell’ambito dell’olio EVO, il 62% (107.867 tonn.) è di origine italiana mentre il 34% è di origine UE. Marginali gli stock di olio extra UE (appena 3.479 tonn.) e di oli blend (3.484 tonn).

in data:19/12/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno