Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Di che Dop&Igp sei ? » Raschera Dop

Di che Dop&Igp sei ?

Raschera Dop

Il Raschera DOP è un formaggio prodotto con latte di vacca, a pasta cruda pressata e semidura. Ha forma cilindrica o quadrata, este rnamente presenta una crosta sottile grigio- rossastro, a volte con riflessi giallognoli, elastica, liscia e regolare, mentre la pasta è consistente, flessibile, con piccolissime occhiature sparse e irregolari, di colore bianco o bianco avorio. Il sapore è fine, delicato, profumato e moderatamente piccante e sapio se stagionato.

Zona di produzione 
E’ prodotto nel territorio amministrativo della provincia di Cuneo.

Storia
La tradizione casearia artigianale locale ha imposto al formaggio Raschera DOP la forma rotonda o quadrata. Quest’ultima si è affermata negli anni, per la maggiore praticità di trasporto che ha assunto, quando il formaggio doveva essere trasportato a valle delle “selle” (locali tipici ricavati direttamente nellaterra, aventi funzioni di celle di stagionatura naturali in cui l’umidità e la temperatura, costanti nel tempo, determinano un ambiente altamente adatto alla stagionatura del formaggio che assume, sullo scalzo e su tutta la crosta delle superfici piane, una tipica colorazione rossiccia dovuta allo sviluppo di muffe di quel colore), usando, come unico mezzo di trasporto, il mulo (le forme “quadrate”, davano maggiore stabilità ed una possibilità in più per migliorare l’accatastamento delle forme sul dorso del quadrupede). Si hanno i primi cenni dell’esistenza di questo formaggio in un contratto di affitto della fine del 1400 rinvenuto nell’archivio comunale di Pamparato. In quel contratto il signorotto locale pretendeva dai pastori che “menano le loro mucche a pascolar l’erba del prato Raschera” per il pagamento dell’affitto, alcune forme di quel “buon formaggio che lassù si fa”.

in data:17/06/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno