Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Sardegna, sarà riaperto il bando a favore delle aziende agro-pastorali

Regioni

Sardegna, sarà riaperto il bando a favore delle aziende agro-pastorali

Sarà riaperto il bando a favore delle aziende agro-pastorali che avevano fatto domanda ma che presentavano errori formali nella compilazione. Il bando riguarda l’annualità 2010 (16 milioni di euro) di aiuti “de minimis” previsti dall’articolo 1 della legge regionale 15/2010. Lo ha deciso la Giunta regionale della Sardegna che ha approvato una delibera proposta dall’assessore dell’Agricoltura Andrea Prato.

Per tutelare i diritti acquisiti dai beneficiari che invece avevano correttamente seguito le procedure di richiesta di aiuto, le istanze di regolarizzazione costituiranno una graduatoria di priorità inferiore rispetto a quella già adottata dall’agenzia Argea. Intanto, sempre in queste ore sono partiti i primi pagamenti a favore di numerose aziende agro-pastorali.

Sempre Argea, secondo quanto stabilito dal provvedimento della Giunta, curerà la riapertura dei termini, la ricezione delle domande, la loro istruttoria, la selezione e l’approvazione della nuova graduatoria suppletiva. In base alla prima graduatoria stilata alla fine del 2010, le pratiche ammissibili erano state 8.281 contro le 2.266 escluse. “Abbiamo appurato che buona parte delle domande inizialmente scartate – spiega l’assessore Prato – presentavano errori formali e in questa delicata fase per il comparto agro-pastorale crediamo opportuno coinvolgere il maggior numero possibile di operatori in un’azione che incentiva l’aggregazione dei produttori e l’avvio del sistema di pagamento del latte a qualità. Nel frattempo, Argea sta già liquidando i primi beneficiari e contiamo di procedere con velocità nel corso di queste settimane”.

in data:15/02/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion