Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Sardegna, via libera agli incentivi per le imprese agroalimentari

Regioni

Sardegna, via libera agli incentivi per le imprese agroalimentari

Via libera della Giunta regionale della Sardegna agli incentivi per le imprese agro-alimentari che trasformano e commercializzano prodotti di qualità e agli aiuti per i programmi di attività delle Organizzazioni di produttori di diversi settori (lattiero-caseario ovino e vaccino, florovivaistico, cerealicolo, produzioni biologiche e zootecnico). Su proposta dell’assessore dell’Agricoltura Andrea Prato, l’esecutivo ha approvato due delibere che stanziano, nel primo caso, 200mila euro, e nel secondo 297 mila euro.

“Si tratta di provvedimenti – spiega l’assessore Prato - che confermano le strategie della Giunta nell’incentivare un’agricoltura di qualità e dove l’offerta sia aggregata, con
l’obiettivo di rendere l’intera filiera, dal produttore al confezionatore, più competitiva e moderna”. Per quanto riguarda la prima delibera, il sostegno regionale è destinato alle imprese di trasformazione e commercializzazione che hanno avviato un percorso di
qualità orientato alla differenziazione delle produzioni agricole, con il duplice obiettivo di essere più competitive sui mercati nazionali ed esteri e garantire allo stesso tempo ai consumatori elevati standard qualitativi e il rispetto di una metodologia produttiva
certificata.

L’incentivo, concesso alle aziende di prodotti biologici, di prodotti Dop/Igp e che aderiscono all’Organizzazione comune del mercato vitivinicolo, vuole abbattere i costi fissi sostenuti dall’impresa nei confronti delle strutture di controllo per l’accesso
e la partecipazione ai sistemi di qualità alimentare. Relativamente alla seconda delibera, i 297mila euro comprendono le somme del 2010 e la prima annualità dei programmi 2011-2013 delle 14 Organizzazioni di produttori riconosciute nel comparto non ortofrutta. Obiettivo dell’aiuto è incentivare l’aggregazione dei produttori in
organizzazioni che hanno un ruolo sempre più determinante nel processo
di sviluppo dell’economia agricola dell’Isola, tramite il sostegno a tutte quelle attività funzionali a una più efficace commercializzazione delle produzioni.

in data:16/11/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion