Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Toscana, pronto il bando per la multifunzionalità

Regioni

Toscana, pronto il bando per la multifunzionalità

Supera i 3 milioni di euro il finanziamento per la multifunzionalità riservato alle aziende agricole toscane. Lo stanziamento sarà erogata sulla Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole” della V fase del Psr, il programma di sviluppo rurale della Regione Toscana 2007-2013. Il bando per l’assegnazione dei fondi sarà pubblicato sul Burt, il Bollettino ufficiale della Regione Toscana – Parte III, di mercoledì 28 dicembre 2011 ed è relativo ai fondi pubblici dell’annualità 2012.

Le domande di contributo si potranno presentare fino alle ore 13 del giorno 15 marzo 2012 ed il bando è consultabile sul sito della Regione Toscana (Sezione Agricoltura e Foreste – Sviluppo rurale).

I contributi sono concessi a favore di investimenti volti alla multifunzionalità dell’azienda agricola, e ferma restando la prevalenza dell’attività agricola sulle altre, a titolo esemplificativo sono finanziati interventi per lo sviluppo di attività e prestazioni socio-assistenziali (agricoltura sociale) e di attività educative e didattiche (fattorie didattiche), interventi finalizzati alla produzione di energia da fonti rinnovabili, interventi di qualificazione dell’offerta agrituristica per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali, interventi negli spazi aperti aziendali finalizzati a realizzazione di agricampeggi, interventi sui fabbricati aziendali finalizzati a consentire l’ospitalità agrituristica.

Il requisito di accesso per presentare domanda di contributo è la qualifica “imprenditore agricolo professionale” (IAP), con l’eccezione per gli interventi relativi all’agricoltura sociale dove il requisito di accesso è la qualifica di imprenditore agricolo ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile.

Il sostegno è concesso in forma di contributo a fondo perduto pari al 40% del costo totale delle spese ammissibili a finanziamento, elevate al 50% qualora l’investimento sia realizzato in zone montane

in data:23/12/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion