Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Toscana, stanziati 25 milioni per i piani integrati di filiera

Regioni

Toscana, stanziati 25 milioni per i piani integrati di filiera

Uno stanziamento di 25 milioni di euro per le filiere agricole. È quanto predisposto dalla Regione Toscana per il comparto attraverso i Pif. I Pif -  spiega l’assessore all’Agricoltura Gianni Salvadori – sono lo strumento innovativo che abbiamo adottato per garantire un maggiore equilibrio nelle filiere e un reddito più equo a tutti i protagonisti: produttori, trasformatori, commercianti. Infatti - prosegue l'assessore -  attraverso il “progetto integrato di filiera” si favorisce la riorganizzazione della filiera stessa e l’aggregazione dei vari soggetti, a partire dagli agricoltori, in modo da porre le condizioni per creare migliori e più eque relazioni di mercato.

I soggetti che si mettono insieme per realizzare questi obiettivi – spiega ancora l’assessore all’agricoltura della Regione – possono usufruire dei finanziamenti previsti dal Psr, il piano di sviluppo rurale della Regione Toscana, per un totale di 25 milioni di euro.

Nove le misure che coprono varie tipologie di investimento per tre gruppi di filiere, quella dei cereali, quella zootecnica e l’ultima è quella onnicomprensiva “altre filiere”. Ogni progetto, a seconda delle filiere, può arrivare a finanziamenti di 2 o 3 milioni di euro. Una somma – conclude l’assessore – che garantisce la consistenza necessaria per realizzare progetti di qualità e per favorire, in maniera mirata, quelle aggregazioni necessarie a fare impresa in maniera economica nel settore agroalimentare. “

Per attivare un Pif – si legge in una nota - serve la sottoscrizione di un apposito “accordo di filiera”, a cui partecipano produttori, trasformatori, commercianti, che disciplinano nell’accordo gli obblighi e le responsabilità reciproche. E questo sia per la fornitura di prodotti agricoli destinati alla trasformazione e commercializzazione agroindustriale, sia per la realizzazione degli investimenti necessari.

Le condizioni di accesso, i criteri di selezione e le procedure sono dettagliati nel bando approvato con decreto n.604/2011 pubblicato sul BURT n. 10 Parte terza – Suppl.n.25 del 9 marzo 2011.

La scadenza per la presentazione delle domande è prevista il 16 maggio 2011.

in data:18/03/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion