Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Unione Europea » Ue, entra nel vivo il dibattito sul vino biologico

Unione Europea

Ue, entra nel vivo il dibattito sul vino biologico

Monta in Europa lo scontro tra i 27 Stati membri sul progetto della Commissione europea per regolamentare la produzione di vino biologico.

La proposta sarà esaminata domani dal Comitato di regolamentazione dell'Ue e, secondo quanto appreso da fonti giornalistiche, i 27 sono fortemente divisi sulla riduzione della presenza di solfiti nel vino biologico rispetto a quanto propone Bruxelles: ossia 100 milligrammi il litro per i vini rossi e 150 per i vini bianchi. Nel vino convenzionale attualmente vengono autorizzati 150 milligrammi per i rossi e 200 per i bianchi.

Il progetto di proposta della Commissione europea è assolutamente respinto dal Nord Europa - Germania in testa - sostenuta, tra gli altri, da Polonia, Austria, Olanda, Regno Unito, Svezia, Portogallo e forse Repubblica Ceca. Questi Paesi, carenti di sole, hanno bisogno dei solfiti (ossia dell'aggiunta di anidride solforosa che è un antiossidante) per stabilizzare il vino, oltre che dello zucchero per alzarne la gradazione alcolica.

Per questo sono disposti a ridurre la presenza di solfiti nel vino biologico solo di 20 milligrammi rispetto al prodotto convenzionale, accettando quindi 130 milligrammi per i rossi e 180 per i bianchi. Domani non è atteso nessun accordo al Comitato di regolamentazione Ue per il biologico in quanto contraria alla proposta, ma per ragioni diverse, è anche la Francia. La proposta della Commissione europea, infatti, pone problemi non solo sulla presenza dei solfiti, ma anche sul trattamento termico per la produzione di succhi d'uva (è il caso della Francia) e ancora per alcune deroghe 'in biancò che alcuni Paesi vorrebbero ottenere nella produzione di vino biologico. Il dossier, se domani non viene approvato, passerà all'esame del Consiglio dei ministri dell'Agricoltura dell'Ue.

in data:01/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno